Pubblicato da: Claudia Boni | 13 giugno 2015

Si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie . Proseguendo con la navigazione si presta il consenso all’ uso degli stessi. Per un maggiore approfondimento leggere la sezione Cookie Policy nel menu sopra.

Pubblicato da: Claudia Boni | 27 gennaio 2016

Più vitalità con il PROGRAMMA DETOX

doc2

Pubblicato da: Claudia Boni | 26 dicembre 2015

Incontri individuali di Yoga Nidra

imagesSHAVASANA

Yoga Nidra è una pratica semplicissima ma potente che possono praticare tutti, al di là dell’età, costituzione o capacità fisiche.

Yoga Nidra è una tecnica che deriva dal Tantra, con la quale si impara a rilassarsi coscientemente. E’ uno stato di “sonno dinamico”, cioè di un apparente sonno che però non permette alla mente di perdersi. Si impara a restare presenti a ogni momento che si stà vivendo e porta a un completo rilassamento del corpo e della mente, ci insegna a sciogliere le tensioni emozionali, mentali e fisiche, per guidarci verso un’esistenza più serena e consapevole, donando tranquillità e riposo ristoratore.

Quando la coscienza si trova in uno stato tra la veglia e il sonno la mente è eccezionalmente ricettiva e può essere utilizzata in molte attività, ad esempio per sviluppare la memoria, incrementare la conoscenza e la creatività, si potrebbero addirittura imparare nuove lingue o rimuovere abitudini indesiderate.

All’interno della pratica di Yoga Nidra, si usano quindi delle intenzioni o affermazioni con le quali si riescono a risolvere conflitti repressi, desideri, memorie e impressioni che derivano da esperienze passate. Se l’intenzione viene impressa nella profondità del subconscio, per lungo tempo , porterà certamente i suoi frutti.

Con questa tecnica si possono equilibrare le tensioni, sia fisiche che emotive, imparando a rilasciare le tensioni muscolari accumulate per lo stress della giornata ma anche quelle che sono frutto delle esperienza di vita. Contemporaneamente si riesce a controllare meglio le paure, le preoccupazioni, le ansie, apportando contemporaneamente chiarezza mentale e consapevolezza del proprio corpo.

Una sola ora di yoga nidra equivale a quattro ore di sonno normale!

E’ sempre possibile prenotare una lezione individuale di yoga nidra.

cropped-raja-yoga-meditation.jpgEkadasi, è l’11° giorno dopo la luna piena e L’11 ° giorno dopo la luna nuova. In media ogni 48 giorni ci sono tre Ekadashi, giorni energeticamente favorevoli per dedicarsi alla meditazione e ad ogni gioiosa attività spirituale. In alcune tradizioni dell’india si consiglia di sospendere in questi giorni ogni impegno, a parte le urgenze se possibile, di alleggerire la dieta, e prendersi del tempo per sé per nutrire lo spirito e il cuore, meditare e cantare.
Il motivo è che il pianeta si trova in un particolare stato energetico in quei giorni, quindi se manteniamo il nostro corpo leggero e disponibile, la nostra consapevolezza sarà favorita a portarsi verso l’interno. I giorni di Ekadasi sono inoltre giorni in cui liquidi e fluidi corporei tendono a raggiungere il loro massimo. Si ritiene che l’elevata presenza di acqua nel corpo stimoli in particolare i sensi e la sensibilità, che diventano più ricettivi, permettendo così di essere più aperti. Con lo stomaco pieno, e senza questa consapevolezza non si potrà notare la caratteristica di questi giorni speciali. Ecco perché è consigliato durante questi giorni osservare il digiuno o una dieta semplice e leggera, priva di cereali, legumi, carne o pesce, uova. Si trascorre quel giorno senza cibo – si cena il giorno precedente e di nuovo si cena il giorno di Ekadasi. (In alcune tradizioni è nel giorno seguente, chiamato dwadasi, che viene indicato un orario – per lo più di primo mattino – in cui ‘rompere’ la dieta del giorno precedente, il giorno di ‘rottura’ delle acque). Si può tranquillamente optare anche per una dieta a base di frutta, se il lavoro, l’attività fisica o altro non permettono il digiuno. L’astensione dal cibo non è fondamentale. Il punto è quello di trascorrere questi giorni facendo tutto in pura consapevolezza senza strafogarsi di cibo che appesantirebbe i nostri canali sottili.
La fisiologia umana si dice che passi attraverso un ciclo di circa 40 – 48 giorni, durante il quale ci sono tre giorni specifici, che possono essere diversi da persona a persona, nei quali il corpo non richiede cibo. Se si riuscisse a identificare autonomamente quei giorni nella propria vita e non dare cibo al corpo, in quanto non lo sta chiedendo, molti dei problemi di salute potrebbero essere risolti. Purtroppo la maggior parte degli esseri umani fatica ancora molto a diventarne consapevole, il consiglio è quindi di approfittare di questi giorni speciali adatti a tutti per digiunare o alleggerire i pasti, purificare il corpo, e connettersi con il proprio Spazio Sacro.
Il prossimo giorno di Ekadasi sarà il 5 gennaio per chi non l’ha fatto oggi!

Pubblicato da: Claudia Boni | 4 dicembre 2015

RIEDUCAZIONE ALLA RESPIRAZIONE

respirazionediaframmaticaQuando si è in ansia, la respirazione è sicuramente alterata.
Il diaframma è bloccato, e l’aria non arriva verso il basso addome durante l’inspiro, così come dovrebbe essere nella respirazione corretta,  per permettere ai polmoni di espandersi e riempirsi d’aria .
Quando non si ha abbastanza ossigeno il cervello va in allarme  e il respiro accelera e diventa ancora più superficiale e corto,  limitato spesso solo alla parte alta del torace.
 Lo yoga ti offre degli strumenti semplici e pratici che puoi avere a tua disposizione in qualsiasi momento per riconnetterti con te stesso. Esistono moltissimi esercizi  per  apprendere come respirare correttamente, pratiche che sbloccano il diaframma, e che ti guidano verso una respirazione yogica competa  che utilizza addome, torace medio e alto.

Uno studio (del maggio del 2000) pubblicato sul Journal of American Medical Association, del Centro dell’Università di Boston per i Disturbi d’Ansia Correlati, ha scoperto che la lenta respirazione diaframmatica si è dimostrata utile nel ridurre l’ansia come l’imipramina del farmaco antidepressivo!

Anche se il pranayama (esercizi di  controllo ed espansione dell’energia vitale attraverso il respiro) può aiutarti davvero ad affrontare i tuoi momenti negativi,  questo non significa sospendere o interrompere qualsiasi aiuto medico o farmaco, ma semplicemente provare una via diversa senza effetti collaterali, che se praticata a lungo può diventare di beneficio per l’intero sistema corpo-mente.

Migliora la digestione ed eliminazione, aumenta la concentrazione e la consapevolezza del proprio corpo, scioglie quel  sistema di “lotta e fuga” che si attiva in risposta allo stress favorendo il rilassamento, migliora l’ energia fisica e mentale, migliora il sonno e con una pratica costante aiuta anche a relazionarsi in modo differente con la vita e i problemi quotidiani.

Prova ad osservare la tua respirazione: quando inspiri sollevi le spalle? Oppure gonfi il torace e l’addome rientra? In questo caso la tua respirazione è scorretta!
Il respiro è uno dei più potenti farmaci naturali che esista. Occorre solo imparare ad utilizzarlo!
6 incontri di 1 ora circa ogni martedì sera alle ore 19 a partire dal 12 di gennaio.
posti disponibili: 6
costo: 60 euro
luogo: Rio Saliceto (RE) via grilli 2
per informazioni e iscrizioni : claudiaboni.ac@gmail.com  – 3386250217
Nota:
Pubblicato da: Claudia Boni | 3 dicembre 2015

Ciclo di 21 meditazioni online gratuite

headerLunedi 23 Novembre è partito il nuovo ciclo di meditazioni di 21 giorni di Deepak Chopra. La meditazione, e nello specifico questo ciclo di incontri, è una possibilità concreta per iniziare a trasformare la tua vita!…. e la partecipazione è del tutto gratuita!

Quando siamo allineati al grande flusso della Vita, abbiamo la possibilità potenziale di ottenere, senza sforzo, la gioia, l’amore e l’appagamento che desideriamo

Ti suggerisco di iscriverti da oggi a questo ink in modo da non perdere le meditazioni precedenti, ogni5-6 gg vengono cancellate dal sito!
http://www.deepakchopra.it/

Pubblicato da: Claudia Boni | 9 settembre 2015

Bagni di guarigione sotto le stelle dal 9 al 15 settembre .

rishistarSecondo  l’astrologia vedica e tibetana, c’è un gruppo di sette stelle, chiamate le stelle  ‘Rishi’ , che ‘appaiono’ una volta l’anno,  di solito a settembre. Quest’anno (secondo l’astrologia tibetana) le stelle Rishi saranno  visibili dal 9 al 15 Settembre.

Lama Dawa Rinpoche dice che, secondo la leggenda indù, queste stelle (chiamate Sapta Rishi – sette Rishi) erano  dei grandi saggi del passato, che, dopo la loro morte,  sollevatisi nei cieli, sono diventati queste stelle. Quando sono visibili nel cielo notturno, la loro luce è detto che abbia poteri di guarigione speciali in grado di trasformare tutta l’acqua in un nettare di guarigione. In genere, i medici tibetani e i guaritori mettono fuori dalle case dei secchi d’acqua  in questo periodo, quindi utilizzano questa acqua per fare i loro farmaci. Lama Dawa ricorda come Sua Santità Matrul Rinpoche – un grande medico tibetano – facesse bollire l’acqua fino a concentrarla, quindi utilizzava questa acqua per fare le pillole a base di erbe medicinali, o anche consacrava l’acqua con mantra di guarigione.

Un altro modo di beneficiare di questa acqua curativa è quello di fare il bagno in piscine, stagni o fiumi in questo periodo. Oppure, raccogliere l’acqua in secchi e usarla per bagnarsi. L’acqua – che si tratti di oceano, fiume, torrente, o l’acqua nelle piscine, è intrisa con le qualità curative delle stelle. Questa acqua può essere usata per fare tinture di guarigione, o da abbeverare animali domestici e annaffiare le piante.  Anche l’acqua nel nostro corpo può essere ‘benedetta’ e purificata da questa speciale energia di guarigione, esponendo il  corpo al cielo notturno, quando le stelle sono visibili. Si tratta di un momento particolarmente propizio per fare pratiche come il mantra Vajra Armor, che viene utilizzato per consacrare l’acqua, o il mantra del Buddha della medicina  e offrendo delle puje.

orsa maggioreL’Astrologo occidentale, Terry Nazon, ha dato questa informazioni sulle stelle Rishi:
Sono le stelle fisse dell’Orsa Maggiore, il Grande Carro. Sono sempre visibili … ma in quel periodo di settembre quando le costellazioni tra la fine del Leone e l’inizio della Vergine si trovano proprio sopra di noi nel cielo notturno … anche queste stelle Rishi sono più vicine e visibili sopra di noi alla nostra destra.  Se si desidera “ricaricare” ​​l’ acqua, abbiate cura di metterla  dove possa ricevere la massima esposizione. Per esempio fate attenzione che nel vostro giardino non ci sia un albero che blocca l’esposizione all’Orsa Maggiore … e ricordate, siamo fatti per il 60% di acqua e nell’antica Kabbalah, il testo raccomandava di bagnare noi stessi in questo  “pioggia
planetaria”  come loro l’hanno chiamata.

Pubblicato da: Claudia Boni | 23 luglio 2015

31 Luglio 2015 Guru Purnima

gurupurmina“Fate che la vostra mente possa brillare come la luna in questo giorno di luna piena. Questo é possibile solo quando la vostra mente sarà completamente piena di Amore.” Sri Sathya Sai Baba

 

Il prossimo 31 luglio  è il giorno di “Guru Purnima” il giorno della luna piena. Guru Purnima significa la luna piena senza alcun difetto. Un giorno di adorazione, in cui i devoti esprimono gratitudine al loro Maestro.

La Luna rappresenta la mente. Questo giorno diventa il Purnima nel vero senso del termine solo quando la mente è piena di Amore Puro,  quando  è perfetta e in silenzio, quando fa risplendere la propria luce divina, offrendo al mondo amore e pace,  sapienza e  gioia, chiarezza e  tranquillità.

GU in sanscrito significa buio o ignoranza, e RU colui che rimuove, dissolve… Il Guru è colui che porta luce e rimuove il velo dell’ignoranza.

Il giorno di Guru Purnima è considerato un giorno particolarmente benefico per praticare, per meditare, per celebrare tutti i  Maestri, il Guru….è dedicato a mantenere la mente in perfezione e piena di luce divina.

 

 

 

Pubblicato da: Claudia Boni | 8 luglio 2015

Programma vacanza multidisciplinare a Tuscania

Ecco il programma completo della vacanza multidisciplinare a Tuscania

teatro, yoga e meditazione, canto, danza

clicca sul link per visualizzare tutte le informazioni

programma tuscania hr

Pubblicato da: Claudia Boni | 13 giugno 2015

Stage residenziale di teatro, yoga, danza, canto.

stage-di-teatro-tuscania-def-1Dal 24 al 30 agosto un evento multidisciplinare unico nel suo genere, vedrà il connubio fra teatro, yoga, danza, canto…e porterà alla messa in scena dell’opera teatrale alla fine dello stage residenziale. Il luogo è meraviglioso: Tuscania. Il lavoro teatrale si svolgerà in un Anfiteatro. La sinergia tra le varie discipline offrirà una opportunità di arricchimento e di crescita per ognuno unica e irripetibile. Maggiori informazioni seguiranno… stay tuned!!!!!!! Per informazioni o per essere aggiornati dell’evento, scrivetemi in privato.

Pubblicato da: Claudia Boni | 13 maggio 2015

Sessione di yoga nidra il 27 maggio

MimagesSHAVASANAercoledì 27 maggio dalle ore 20.30 alle ore 21.30

YOGA NIDRA

via grilli, 2 Rio Saliceto (RE)

Una tecnica di rilassamento molto profondo che porta a una completa distensione del corpo e della mente, scioglie le tensioni emozionali, mentali e fisiche, dona tranquillità, chiarezza mentale, consapevolezza del proprio corpo e riposo ristoratore. Durante la pratica vengono utilizzate delle intenzioni o affermazioni con le quali si possono risolvere conflitti repressi, abitudini nocive, memorie e impressioni che derivano da esperienze passate, e a gettare solide basi affinchè i  desideri trovino la loro realizzazione. Una sola ora di yoga nidra equivale a 4 ore di sonno normale! Adatto in particolare a chi soffre di: insonnia, tensione muscolare, ansia, stress, paure, ma anche per le donne in gravidanza, per sportivi prima delle gare per migliorare le proprie prestazioni, per chi desidera portare cambiamento nella propria vita.

Pubblicato da: Claudia Boni | 27 aprile 2015

Aiuti per il Nepal

#‎Terremoto‬ ‪#‎Kathmandu‬: per chi volesse dare un contributo economico per aiutare i bambini della Tashi Boarding School, ma gli aiuti andranno a vantaggio di tutti e non solo della scuola che si trova nel cuore della città, vi segnalo i riferimenti bancari. I bambini stanno bene ma dormono in un campo vicino alla scuola all’aperto e iniziano a mancare cibo e acqua. I bambini sono coraggiosi e aiutano anche le altre persone. La situazione è drammatica a Kathmandu. I primi aiuti economici alla scuola sono stati inviati stamattina, quindi arrivano e sono utili.

Ecco i dati per fare il bonifico per quello che potete fare.

Intestatario: Associazione Culturale Tibetana
Nome banca: Banca Popolare dell’Emilia Romagna
Modena Agenzia 4
IT 95 C 05387 12904 00000 1622455
Causale:Donazione /terremoto in Nepal

Gli aggiornamenti sulla situazione alla pagina facebook della scuola

https://www.facebook.com/tashiwelfarecenter?fref=nf

il-segreto-della-vita-e-della-morte-Registrazione del seminario  dal vivo tenuto dal prof. Cesare Boni raccolto in 5 DVD.

La maggior parte della gente vive negando la morte o nel terrore di essa. E’ considerato disdicevole il solo parlarne e molti credono che nominando semplicemente la parola “morte” si rischi di tirarsela addosso.
Eppure i grandi libri sapienziali di tutte le tradizioni offrono, a coloro che li sanno leggere, ogni particolare di questa meravigliosa sequenza di esperienze.
La morte, infatti, non avviene in un momento o in pochi minuti, ma è un processo piuttosto lungo e complesso. E’ un processo che offre la possibilità di raggiungere, per un periodo di tempo o definitivamente, l’unione con la Coscienza divina. Questa unione costituisce la vera ragione della nostra venuta sulla terra.
Nelle Sacre Scritture la vita e la morte sono viste come un unico, meraviglioso, ininterrotto flusso di coscienza, in cui la fine rappresenta l’inizio di un altro capitolo di vita.
Anche se “la morte non esiste” come dicono i grandi Maestri, tuttavia per noi è una realtà alla quale dobbiamo prepararci e che deve essere trattata con rispetto e serietà, con profondità e serenità.
Quando decidiamo di intraprendere un viaggio, siamo soliti informarci in maniera approfondita su ciò che vedremo, sentiremo, proveremo. Per un viaggio ben più impegnativo, ben più lungo, ben più complesso, quale è l’abbandono della nostra forma terrena, di solito non sappiamo informarci in maniera corretta, oppure come capita spesso non ci vogliamo informare”

Questo testo è tratto da una presentazione del Prof. Boni, che attraverso i suoi seminari ha cambiato la vita e aumentato il livello di coscienza di tante e tante persone.
Non amava essere considerato un Maestro, ma lo è stato per tutti i suoi allievi.
E’ stato un faro che ha portato luce e pace nei cuori straziati da lutti inaccettabili.
Ha donato una maggiore consapevolezza sul significato della vita e sciolto la paura della morte.

Cesare Boni, era un notissimo tanatologo,  docente alla Scuola di Specializzazione in “Psicologia del Ciclo della Vita” ed insegnante nei Corsi di Perfezionamento dell’Università Statale Federico II di Napoli. Ha insegnato nelle più prestigiose scuole di psicologia in Italia e nel “Master in psicologia oncologica” dell’Ospedale Bellaria di Bologna. Insegnava la “conoscenza della vita e della morte e l’accompagnamento del morente” in numerosi grandi ospedali italiani.

Il cofanetto con 5 dvd e un libretto costa 59 euro spese di spedizione comprese

Puoi effettuare il pagamento di 59 euro tramite bonifico bancario a questi dati:

IBAN: IT31U0760112800001004938997.

In questo caso non appena effettui il bonifico inviane una copia tramite e-mail , specificando COSA HAI ACQUISTATO e  L’ INDIRIZZO DI SPEDIZIONE.

Pubblicato da: Claudia Boni | 1 gennaio 2015

Augurio per il 2015

Lokah Samasta Sukhino Bhavantu

May all beings be happy.

May all my thoughts, words and actions contribute in some way to the happiness of all beings.

Pubblicato da: Claudia Boni | 10 dicembre 2014

Lo yoga nella 3° età

yoga3etaLo yoga è una disciplina che è adatta e ci aiuta a trovare equilibrio e benessere in ogni età e in ogni circostanza. Numerose ricerche dimostrano quanto sia importante praticare lo yoga  anche quando non si è più giovani  e come questo contribusica a  mantenere un corpo sano funzionale e  flessibile .

Previene e aiuta per il mal di schiena correggendo posture sbagliate e rafforzando la muscolatura di sostegno alla colonna vertebrale. Diminuisce lo stress, la stanchezza, allevia rigidità e dolori, favorisce una migliore mobilità delle articolazioni, migliora l’equilibrio, riduce i rischi cardio-circolatori, apporta maggiore ossigeno nel sangue, è un valido aiuto in menopausa per i disturbi principali legati a questo periodo della vita della donna .Tutto ciò si traduce in un generale aumento della qualità della vita dell’anziano, con ripercussioni positive sull’autostima, sull’umore e sull’equilibrio interiore.

Non sono necessarie doti atletiche per praticarlo e anche se non si riesce a fare posizioni avanzate o a mantenerle a lungo, rispettando i propri limiti e i propri tempi e praticandolo con costanza in breve ci si sentirà più attivi e con un migliore equilibrio psico-fisico ricostruendo forza e flessibilità entrambe necessarie e complementari  per un benessere generale.

C’è un detto secondo cui la nostra età è rappresentata da quella che ha la nostra colonna vertebrale in termini di flessibilità ed elasticità. Ed eseguendo le posizioni yoga, si permette alla colonna di svolgere tutti i movimenti necessari al mantenimento della sua elasticità e flessibilità.

Pubblicato da: Claudia Boni | 5 novembre 2014

RIEDUCAZIONE ALLA RESPIRAZIONE

respirazionediaframmaticaSeminario teorico-pratico di yoga
Domenica 23 Novembre
dalle ore 10 alle ore 12 ca.
STUDIO LOTUS Via Dalai 16 Luzzara (RE)

per informazioni 338/6250217
Solitamente si pensa che l’atto di respirare sia la cosa più spontanea o naturale che esista; troppo spesso lo diamo per scontato e non vi prestiamo attenzione.
E in effetti dovrebbe essere proprio così se lo stress, le tensioni, o forti emozioni non intervenissero sul nostro respiro fino a modificarlo e a cambiarne il naturale funzionamento.
Sapevi che insonnia, tensioni, stress, asma, apnee, paure, mancanza di energia, alterazioni nella circolazione sanguigna, digestioni difficili, nausee, difficoltà di evacuazione, e altri problemi, possono essere causati da una scorretta respirazione?
Sembra assurdo vero?
Prova ad osservare la tua respirazione: quando inspiri sollevi le spalle? Oppure gonfi il torace e l’addome rientra? In questo caso la tua respirazione è scorretta.
Il respiro è uno dei più potenti farmaci naturali che esista. Occorre solo imparare ad utilizzarlo!
Nel corso si imparerà a:
• ascoltare e comprendere la propria respirazione naturale
• valutare l’ampiezza del nostro respiro,
• respirazione e psicosomatica
• Respirazione e salute
• la respirazione addominale (Adham)
• la respirazione intercostale (Madhyam)
• la respirazione clavicolare (Adhyam)
• la respirazione yogica completa (Mahat pranayama)
• Alcuni esercizi per variare una respirazione errata o incompleta
• Esercizi di pranayama per calmare la mente e placare l’ansia e lo stress

Pubblicato da: Claudia Boni | 5 novembre 2014

Yoga per la salute della nostra schiena

schienaSeminario intensivo
Domenica 9 novembre 2014 ore 10-12 ca.
c/o STUDIO LOTUS
a Luzzara (RE) via Dalai 16

per info 338/6250217

Esercizi mirati sulla flessibilità della schiena, per renderla più elastica e meno rigida. Aiutano ad alleviarne i dolori e a sciogliere le tensioni.

Alla nostra schiena è necessario un’attenzione costante perché facilmente cause fisiche ed emotive ci portano ad accumulare inutili tensioni e rigidità che hanno profonde ripercussione sullo stato di benessere fisico e mentale. Moltissimi esercizi dello yoga sono finalizzati a rendere la schiena flessibile e libera da tensioni. Dovuto al carico gravitazionale della nostra postura eretta e alle abitudini diffusamente sedentarie, è oggi assai comune soffrire di dolori alla schiena.
Le colonna vertebrale è la parte centrale e struttura di sostegno del nostro corpo, che ci permette di stare retti, di fletterci, di inarcarci. Sostiene la testa, protegge il midollo spinale, funge da ammortizzatore per tutti i carichi e le forze esterne e permette gran parte dei movimenti che caratterizzano l’uomo grazie ad una notevole elasticità e flessibilità. È attraversata da numerosissimi fasci nervosi che collegano gli organi vitali al cervello.

Dal punto di vista yogico è un canale trasportatore di energia perché lungo di essa si trovano il principale canale energetico Sushumna Nadi e i principali chakra, importantissimi plessi di energia vitale fisica e sottile.

Considerando questo è facile intuire quanto liberarla da rigidità e tensioni sia determinante per un profondo benessere ed equilibrio psicofisico.
Se non ci sono particolari patologie è facile allentare tensioni e rigidità con una pratica regolare, che ti permette di risparmiare moltissime problematiche e difficoltà future.

Pubblicato da: Claudia Boni | 6 ottobre 2014

Yoga per la salute delle nostre articolazioni

articolazione

Domenica  12 Ottobre 2014 ore 10-12
C/o STUDIO LOTUS
a Luzzara (RE) via Dalai 16

Lavoro mirato su tutte le articolazioni del nostro corpo, per liberarle, renderle più elastiche e meno rigide, contribuendo a liberarci di molti dei più comuni dolori e impedimenti nel movimento.

Le articolazioni rappresentano l’azione e la flessibilità e consentono il movimento delle varie parti del nostro corpo; se non ci fossero saremmo fermi come alberi.

I problemi articolari si manifestano come infiammazione e dolore che limitano i nostri movimenti e che contemporaneamente rispecchiano il nostro irrigidimento intellettuale, comportamentale ed affettivo. Possono cioè rispecchiare un nostro atteggiamento nella vita, dove abbiamo chiuso il cuore, i pensieri sono diventati freddi e duri nei confronti di una persona, della vita o di una situazione.

Per chi ha raggiunto una certa età, i primi segni dell’usura del proprio corpo si notano proprio dalle limitazioni e dalla scarsità di lubrificazione delle articolazioni, oltre che da altri deficit collegati all’avanzare dell’età.

Da un punto di vista più “sottile”, a causa di problemi psicologici o dovuti ad una eccessiva acidificazione del corpo, alla presenza massiccia di tossine, o a stili di vita squilibrati, l’energia che scorre all’interno del corpo e soprattutto quella presente nelle articolazioni, può arrivare a bloccarsi.
Tutto ciò crea inizialmente rigidità, tensione muscolare e circolazione sanguigna scarsa, fino a cronicizzarsi in artrosi.

Inoltre, le attività sportive praticate spesso in maniera eccessiva e maniacale, lo spirito di competizione, hanno portato molti atleti professionisti e non, a misurarsi in sfide all’impossibile mirando alla quantità e non alla qualità.
L’attività fisica è importante per la salute, ma è altresì importante preservare il corretto funzionamento della struttura articolare.
I tessuti cartilaginei, che rivestono i capi ossei delle articolazioni del nostro corpo, si riforniscono di sostante nutritive importanti al loro funzionamento, mediante alcune molecole presenti nel liquido sinoviale che li circonda.
Il liquido sinoviale favorisce la mobilità dell’articolazione diminuendo l’attrito e tale liquido viene attivato e messo in circolo grazie soprattutto ad una varietà e costanza di movimenti utili per la mobilità articolare.
Si capisce bene come “maggior movimento articolare, significa maggior lubrificazione delle articolazioni, con la conseguenza positiva di un miglior funzionamento”! Una pratica regolare rimuove dal corpo i blocchi energetici e ne previene la formazione di nuovi, in questo modo promuove una salute globale regolando e stabilizzando l’energia in tutto il corpo

per prenotazioni 338/6250217 claudia

Pubblicato da: Claudia Boni | 13 settembre 2014

Bellissimo documentario!!!!

http://muvi.es/w4797/298102
Per vent’anni Jennifer Fox, documentarista pluripremiata, ha seguito con la sua cinepresa il grande maestro tibetano Chögyal Namkhai Norbu e suo figlio Yeshi, nato in Italia.Questo lungometraggio racconta l’avvincente storia intima del maestro reincarnato e dell’ostinata riluttanza di suo figlio a seguire le orme del padre. Rinpoche è fuggito dal Tibet nel 1959 e si è stabilito in Italia, dove si è sposato e ha avuto due figli, di cui Yeshi è il primogenito. Yeshi è stato riconosciuto come la reincarnazione di un famoso maestro che morì dopo che i cinesi invasero il Tibet. Ma Yeshi è cresciuto in Italia e non ha mai voluto avere a che fare con questo lascito. Non ha voluto essere un Maestro come suo padre, né tornare in Tibet, al monastero della sua reincarnazione, a conoscere gli studenti che lo aspettano sin dalla sua nascita. Ha sognato una vita normale, lontana dalle orde di devoti che hanno sempre circondato il padre. Questo conflitto tra padre e figlio ha il sapore della storia universale, si immette nel tema narrativo classico dell’eredità familiare. Mentre la storia va avanti, vediamo Yeshi maturare dai 18 ai 38 anni, e Rinpoche che dall’apice dei suoi 50 anni approda alla vecchiaia e alla malattia dei suoi 70. Ma, mentre il tempo va avanti, padre e figlio cominciano a cambiare, dando a My Reincarnation l’ampiezza e la profondità del grande dramma.

http://muvi.es/w4797/298102

Pubblicato da: Claudia Boni | 10 settembre 2014

Sessione di Yoga Nidra allo Studio Lotus di Luzzara

Venerdì 26 settembre 2014  dalle ore 20 alle ore 21

imagesSHAVASANAYoga Nidra è una pratica semplicissima ma potente che possono praticare tutti, al di là dell’età, costituzione o capacità fisiche.
Adatto per chi soffre di:
insonnia,
• tensione muscolare,
• ansia,
• stress,
• paure
Consigliato a:
• sportivi prima della gare per migliorare le prestazioni
• donne in gravidanza
• per chi desidera portare un cambiamento nella propria vita
Yoga Nidra è una tecnica che deriva dal Tantra, con la quale si impara a rilassarsi coscientemente. E’ uno stato di “sonno dinamico”, cioè di un apparente sonno che però non permette alla mente di perdersi. Si impara a restare presenti a ogni momento che si sta vivendo e porta a un completo rilassamento del corpo e della mente, ci insegna a sciogliere le tensioni emozionali, mentali e fisiche, per guidarci verso un’esistenza più serena e consapevole, donando tranquillità e riposo ristoratore.
Quando la coscienza si trova in uno stato tra la veglia e il sonno la mente è eccezionalmente ricettiva .
All’interno della pratica di Yoga Nidra, si usano delle intenzioni o affermazioni con le quali si riescono a risolvere conflitti repressi, desideri, memorie e impressioni che derivano da esperienze passate. Se l’intenzione viene impressa nella profondità del subconscio, per lungo tempo , porterà certamente i suoi frutti.
Con questa tecnica si possono equilibrare le tensioni, sia fisiche che emotive. Contemporaneamente si riesce a controllare meglio le paure, le preoccupazioni, le ansie, apportando contemporaneamente chiarezza mentale e consapevolezza del proprio corpo.
Una sola ora di yoga nidra equivale a quattro ore di sonno normale!
Si consiglia, per goderne tutti gli effetti, di continuare la pratica anche a casa. Verrà fornito un cd con lo Yoga Nidra guidato e una dispensa.

Prenotazione obbligatoria, posti limitati.

Per info: 338/6250217   info@claudiaboni.it

Older Posts »

Categorie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 84 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: